DematVr

Rete delle scuole veronesi per la dematerializzazione

In tempo utile per le operazioni di fine primo quadrimestre è stata rilasciata la versione 1.8 del registro elettronico Lampschool.

In area > Download > Registro elettronico Lampschool è disponibile il file zip per l'installazione, mentre in > Download > Documentazione registro elettronico Lampschool è possibile scaricare una guida alle operazioni di scrutinio.

Ecco le principali nuove implementazioni:
  • gestione e stampa dei verbali degli scrutini
  • tabella sintetica di riepilogo dei voti attribuiti
  • gestione dei coordinatori di classe
  • possibilità di impostare limiti di validità delle password con richiesta obbligatoria di modifica
  • visualizzazione di data e ora dell'ultimo accesso effettuato

Prima di procedere all'aggiornamento, effettuare sempre una copia di backup completa (d-base e cartelle sul server) del registro elettronico e leggere attentamente le istruzioni contenute nei file install.txt e readme.txt.

Con la versione 1.7 Lampschool compie un altro deciso balzo in avanti: ulteriori importanti moduli arricchiscono il registro  elettronico con il rilascio di questo aggiornamento.

Le novità sono ancora una volta parecchie.

Gli amministratori di sistema di Istituti molto articolati apprezzeranno senz'altro la possibilità di gestire installazioni multiple da una singola cartella.

Sono poi state potenziate le funzioni di gestione delle anagrafiche e delle password: ora è possibile compiere ricerce, applicando filtri sempre più precisi e rigenerare singole password sia di alunni che di docenti.

Un intero nuovo modulo è dedicato alla gestione del tempo scuola, con la possibilità di inserire il calendario delle festività e delle chiusure dell'Istituto. Tutto questo al fine di rendere possibile il funzionamento di un altra funzione, che sicuramente sarà molto apprezzata: la gestione delle prenotazioni dei colloqui genitori-docenti.

Le novità sono molte altre. Alcune più visibili, come la possibilità di inviare sms alle famiglie tramite il servizio Skebby, altre meno, ma tutte comunque importanti. Grazie ad esse Lampschool rende possibile la gestione di una gamma sempre più vasta di operazioni ed inoltre raggiunge una solidità, una velocità e un'affidabilità assolutamente invidiabili.

L'elenco completo delle nuove implementazioni si trova nella pagina di download del software.

Prima di procedere all'eventuale aggiornamento da versioni precedenti, raccomandiamo di effettuare sempre una copia di backup completa (d-base e cartelle sul server) del registro elettronico.

Rilasciata la prima patch di aggiornamento della versione 1.6.

Vengono così risolti alcuni bug riguardanti la formazione delle cattedre, la stampa delle lettere di comunicazione delle password e il reindirizzamento plessi/specializzazioni all'interno di Lampschool.

La patch è scaricabile nella sezine > Download > Registro elettronico Lampschool.

Come ci si era riproposti, viene rilasciata con l'inizio del nuovo anno scolastico la versione 1.6 del registro elettronico Lampschool.

Con questa release il software compie un deciso balzo in avanti e raggiunge un livello di completezza e solidità notevoli.

Numerose le novità, alcune delle quali esclusive come, ad esempio, la gestione del sostegno e di tutte quelle situazioni ad esso assimilabili nelle modalità di gestione (DSA, BES). In Lampschool è ora prevista la gestione completa del PEI, con stampa in pdf e raccolta della documentazione.

Tra le svariate nuove implementazioni della versione 1.6, vi è anche la possibilità di gestire quelle che, per comodità, abbiamo definito come “cattedre speciali”.

Si tratta di quelle situazioni particolari, che prevedono lo smembramento di una o più classi o, perlomeno, la costituzione di gruppi classe diversi da quelli di partenza.

Ecco alcuni esempi:

  • religione/alternativa;
  • strumento negli Istituti ad indirizzo musicale;
  • seconda lingua straniera con gruppi classe formati da parti di classi parallele.

Un altro modulo importante, che lavora proprio secondo lo spirito della dematerializzazione, è quello per la gestione delle circolari. Non sarà più necessario stampare e fotocopiare le circolari destinate ai docenti o quelle riservate alle famiglie: per mezzo del registro verranno distribuite a tutti gli utenti selezionati. Sarà possibile monitorare l'effettivo download dei documenti e richiedere, eventualmente, delle firme per "presa visione".

Tante le novità, insomma. Alcune molto evidenti, altre forse meno, ma comunque tutte importanti. Il lavoro dei docenti e delle segreterie sarà ulteriormente facilitato dal rilascio di questa versione di Lampschool.

L'elenco completo delle nuove implementazioni si trova nella pagina di download del software, mentre nella sezione > Download > Documentazione registro elettronico Lampschool è disponibile una guida alle nuove implementazioni.

Prima di procedere all'eventuale aggiornamento da versioni precedenti, effettuare sempre una copia di backup completa (d-base e cartelle sul server) del registro elettronico.

Disponibile da oggi su Google Play l'app per Lampschool.

La funzionalità è studiata, al momento, per consentire ai genitori di tenere sotto controllo, tramite uno smartphone android, il registro elettronico dei propri figli.

Assenze, ritardi, voti e note disciplinari sono da ora facilmente consultabili anche senza la disponibilità di un pc.

L'app funziona con la versione 1.5.1 di Lampschool, il cui rilascio è ormai imminente.

Rilasciata la seconda patch di aggiornamento, che risolve tutti i bug riscontrati fino al 31/05/2014 nella versione 1.5 di Lampschool.

Per risolvere i problemi riscontrati nella stampa delle schede e nell'export dei dati in formato csv, basta sostituire i relativi file nella cartella "scrutini" (5 file) e nella cartella "valutazioni" (1file) con quelli contenuti nel file zip della patch.

Prima di procedere alle sostituzioni, consigliamo di fare sempre una copia dei file originari: basta semplicemente rinominare quelli vecchi e poi caricare i nuovi.

Devono procedere all'aggiornamento anche coloro che avevano già installato i file contenuti nella precedente patch (scrutini_1_5.zip).